Reverse Charge: Ulteriori chiarimenti applicativi

Furono introdotte all’inizio del 2015 alcuni casi di inversione contabile dove il debitore d’imposta è colui che cede il bene o presta il servizio. Quando risulta applicabile il reverse charge la fattura viene emessa senza applicazione dell’Iva e sarà chi riceve il documento a doverla assolvere, integrando il documento, rendendosi debitore del tributo ma potendo al tempo stesso portarlo in detrazione (salvo specifiche limitazioni).

Ad oggi con la circolare 37/E/2015 vengo chiariti alcuni dubbi che erano rimasti irrisolti nelle precedenti circolari e che riguardano:

  1. Appalti per il frazionamento o accorpamento di edifici: Nella precedente circolare 14/E/2015 l’Agenzia affermò che nel caso di un contratto di appalto complesso occorre distinguere le singole prestazioni e applicare il reverse charge alle prestazioni riconducibili alla lettera a-ter); fa eccezione il caso di appalto per la costruzione di edificio ovvero il restauro, risanamento conservativo e interventi di ristrutturazione edilizia (articolo 3, comma 1, lettera c) e d), D.P.R. 380/2001), nel qual caso trovano applicazione le regole ordinarie (no reverse charge) per la prestazione complessiva.
  2. Demolizione e costruzione:non vi è più la necessità di separare le prestazioni per decidere se applicare o meno la reverse charge in quanto si applica l’iva nei modi ordinari.
  3. Fornitura con posa in opera: Mentre la fornitura con posa in opera è soggetta all’Iva nei modi ordinari, le prestazioni di servizi che ricadono nel campo di applicazione della lettera a-ter) sono soggette a reverse charge, senza necessità di distinguere tra valore del servizio e valore della prestazione.
  4. Parcheggi: interrati ovvero costruiti sul lastrico solare di un fabbricato.
  5. Derattizzazione, spurgo e rimozione neve: applicazione dell’iva nei modi ordinari.
  6. Impianti interni / esterni agli edifici: ogni volta in cui l’impianto sia necessario all’edificio trova applicazione il modello del reverse charge.
  7. Manutenzione: Già la circolare 14/E/2015 aveva stabilito che dovesse applicarsi l’inversione contabile alle attività di manutenzione e riparazione degli impianti; nella presente circolare viene confermata tale posizione.
  8. Impianti fotovoltaici: Le attività di installazione di impianti fotovoltaici integrati (i pannelli sostituiscono la copertura) o semi-integrati (i pannelli sono appoggiati alla copertura) sono soggette ad inversione contabile ai sensi della lettera a-ter); allo stesso modo si applica l’inversione contabile quando i pannelli sono posizionati a terra ma sono posti al servizio di un fabbricato.Questo però vale solo se tali impianti sono accatastati congiuntamente al fabbricato stesso; nel caso di accatastamento autonomo, la relativa installazione e manutenzione richiede l’applicazione dell’Iva nei modi ordinari.
  9. Impianti antincendio: L’installazione e manutenzione di impianti antincendio è attività soggetta all’inversione contabile.L’installazione e la manutenzione degli estintori è soggetta a reverse charge solo se detti estintori fanno parte di un piano antincendio ai sensi del D.M. 20 dicembre 2012. Al contrario, installazione e manutenzione di estintori che non fanno parte di un impianto complesso, richiedono l’applicazione dell’Iva nei modi ordinari.L’installazione di porte tagliafuoco richiede l’applicazione dell’inversione contabile.
  10. Sostituzione di parti di impianto: qualora vengano svolte attività di ammodernamento o riparazione di impianti, queste ricadono nell’ambito di applicazione del meccanismo dell’inversione contabile, a condizione, naturalmente, che i servizi resi siano relativi a edifici.
  11. Installazione di impianti: Sono assoggettate a reverse charge le installazioni di impianti riconducibili ai codici ateco 2007 43.21, 43.22 e 43.29; questi sono impianti che formano parte integrante degli edifici e a questi risultano serventi.
  12. Prestazioni rese da terzi: Qualora le prestazioni rese da soggetti terzi, su incarico della società che commercializza i beni, siano servizi di installazione di impianti e completamento di edifici devono essere assoggettate al meccanismo del reverse charge.
  13. Beni significativi: La disposizione agevolativa in materia di aliquota prevista per i beni significativi (D.M. 29 dicembre 1999), riguardando esclusivamente prestazioni effettuate nei confronti dei consumatori finali, non trova applicazione nelle ipotesi di reverse charge di cui alla lettera a-ter), in quanto quest’ultima riguarda i soli rapporti tra soggetti passivi d’imposta.
  14. Diritto di chiamata e manutenzione in abbonamento: L’inversione contabile si applica anche alle somme addebitate a titolo di diritto fisso di chiamata da parte di un tecnico contattato per la verifica di un impianto.
  15. Allacciamento e attivazione: Il corrispettivo per l’allacciamento di un impianto e per l’attivazione di un’utenza, in quanto facenti parte della fornitura di luce, acqua gas, etc., non si considerano relativi all’impianto: conseguentemente, l’Iva relativa a tali prestazioni deve essere applicata nei modi ordinari.
  16. Servizi non imponibili: Nel caso di operazioni non imponibili non risulta applicabile il meccanismo dell’inversione contabile, che invece potrà trovare applicazione solo quando l’operazione risulta essere imponibile Iva.

 (Agenzie delle entrate, circolare 37/E/2015)

 

Questo sito non utilizza cookie per fini di profilazione ma consente l’installazione di cookie di terze parti anche profilanti. Proseguendo la navigazione l’utente accetta l’utilizzo dei cookie di terze parti.

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi